Abbiamo riuniti gli elementi di una visione del mondo profonda e pessimistica e, insieme con essi, una dottrina misterica della tragedia: la conoscenza fondamentale dell’unità di tutto ciò che esiste, la concezione dell’individuazione come causa prima del male, l’arte come lieta speranza che il dominio dell’individuazione possa essere spezzato, come […]

Tragedia


Separ/azione significa: non abbiamo niente a che vedere con questo mondo. Non abbiamo niente da dirgli, né niente da fargli capire. Le nostre azioni di distruzione, di sabotaggio, non abbiamo bisogno di farle seguire da una mirata spiegazione della Ragione umana. Non agiamo in virtù di un mondo migliore, alternativo, […]

La comunità terribile


Rivolta Rivoluzione e Rivolta non devono essere presi per sinonimi. La prima consiste in un rovesciamento dello stato di cose esistente, dello statuto dello Stato o della Società; essa è dunque un atto politico o sociale. La seconda, pur comportando inevitabilmente una trasformazione dell’ordine costituito, non ha in questa trasformazione […]

Rivoluzione e Rivolta



È inutile vedere unicamente nell’aspetto delle cose i segni intelligibili che permettono di distinguere diversi elementi gli uni dagli altri. Ciò che colpisce gli occhi umani non determina soltanto la conoscenza delle relazioni fra i diversi oggetti, ma anche uno stato di spirito decisivo e inspiegabile. È così che la […]

Il linguaggio dei fiori


A tutte le viole del mondo Alla musica delle viole All’amore delle viole Al profumo delle viole Al colore delle viole Nella speranza che il mondo si dedichi alle viole Alle viole che violano Alle viole che violeranno Nella speranza che il mondo sperduto trovi la via delle viole Io […]

Viole


Atteggiamento del rivoluzionario verso se stesso 1. Il rivoluzionario è un uomo perduto in partenza. Non ha interessi propri, affari privati, sentimenti, legami personali, proprietà, non ha neppure un nome. Un unico interesse lo assorbe e ne esclude ogni altro, un unico pensiero, un’unica passione – la rivoluzione. 2. Nel […]

Il catechismo del rivoluzionario



Rifiutavo l’Obbligo Oscuro che qualcuno che io non avevo mai autorizzato aveva contratto in mio nome! Millenni prima, un impostore, molti impostori, riuniti nel buio umidi di una caverna, sulla pelle strappata a una bestia ancora palpitante, aveva tatuato la sinistra scrittura dell’obbedienza. E sotto questo Dovere senza un Avere, […]

La danza immobile



“Caligola: (…) Se qualcuno ti portasse la luna sarebbe tutto diverso, non è così? L’impossibile diventerebbe possibile, e qualsiasi cosa cambierebbe, così, d’un colpo. E perché poi Elicone non dovrebbe portarti la Luna. Forse si può pescarla in fondo a un pozzo e avvolgerla in una rete luccicante, tutta grondante […]

Caligola